Home Storia Notiziario Iniziative Info Link Ingrandisci il testo
Associazione
Museo Nazionale
del Cinema

Amici della Fondazione
Maria Adriana Prolo
Via Montebello 22
10124 Torino
T + 39 011 0765039
M + 39 347 5646645
F + 39 011 4377134
info@amnc.it
www.amnc.it

Progetti on line
Torino Città del Cinema / Enciclopedia del Cinema in Piemonte

News - 08.12.2013 indietro
Invito proiezione "Non ci sono più soldi" Mercoledì 11 dicembre al Cecchi Point - Ingresso libero

Videocommunity e Associazione Museo Nazionale del Cinema sono liete di invitarci a partecipare

Mercoledì 11 Dicembre 2013, ore 21,00
Cecchi Point - Hub Multiculturale, Via Antonio Cecchi 17, Torino. Ingresso libero fino ad esaurimento posti

Proiezione del documentario
"NON CI SONO PIU’ SOLDI.
Persone e storie dei servizi a bassa soglia in tempi di crisi" (2012, 50')
di Susanna Ronconi, Angelo Artuffo e Sergio Fergnachino; realizzato da Videocommunity in collaborazione con COBS – Coordinamento Operatori Servizi Bassa Soglia del Piemonte
e con il sostegno di DAI, donne Aids Informazione

La proiezione sarà pereceduta da
"BOUTADE" Azione teatrale di Alberto Valente

Tutto si può buttare, anche gli uomini. Buttati per strada, ci lasciamo andare come monnezza sospinta dal vento, verso angoli bui, dimenticati. E mentre tutto perde valore, per chi è rifiuto, tutto diventa prezioso, anche una panchina. Diventa un mondo,una casa,un tempio,un castello, un’astronave: da difendere, a ogni costo. Quasi una discarica a cielo aperto, la città, coi rifiuti umani stesi nel vano attendere il nulla. Ma un rifiuto è prezioso, lo dice la scienza, da rifiuto a risorsa. Chi lo valorizzerà? Forse un termovalorizzatore che brucia corpi ed emette calore umano? Qualcuno, son sicuro, lo inventerà. E’ il tempo ormai, non c’è più tempo, tutto si sgretola, si erode e molto si accumula. Si erode lo spazio, il tempo, i diritti, tutto è monnezza. Anch’io sotto sotto mi rifiuto, fossi in te mi rifiuterei, cosa posso dare, cosa posso offrire di me? Intorno, ogni giorno, macerie di tempo, di spazio e montagne di rifiuti, umani. BOUTADE è un capitolo di un lavoro più ampio che chiamiamo alphabet. BOUTADE è il gioco, amaro, di parole tra lo scherzo e il gesto di gettar via, figlio di questo tempo, di questo tempo bastardo di cui anch’io son figlio, inesorabilmente e mio malgrado, bastardo.

Alberto Valente (Torino,1968 ). Regista, performer, autore, formatore, illustratore. Vive creando ponti con gli umani attraverso la sua arte. Da anni lavora con la disabilità e le diversità. E’ membro e cofondatore di URZENE e del blog URDIARIO.

"NON CI SONO PIU’ SOLDI"
Un documentario-inchiesta sui servizi a bassa soglia, quei servizi che accolgono i bisogni primari di vita delle persone. Il progetto documentaristico nasce dall’unione e collaborazione fra diversi soggetti: un gruppo di operatori i COBS, Coordinamento Operatori dei Servizi di Bassa Soglia, un giornale di strada Polvere, un gruppo di persone che a questi servizi si rivolge e un’associazione di video maker Videocommunity. I narratori della storia Angela e Gabriele, che hanno avuto esperienza diretta dei servizi a bassa soglia, ci accompagnano nel mondo dei senzatetto decidendo di tornare sulla strada per vedere cosa succede, per capire come vivono i clochard, cosa fanno e cosa stanno organizzando. Il giornale Polvere ne raccoglie le storie, denuncia e fa circolare la rabbia e le idee, mentre Videocommunity documenta con le immagini. I narratori ci guidano all’interno della realtà dei senzatetto da cui prende vita un ritratto collettivo di denuncia.
La crisi e la politica della crisi stanno uccidendo il welfare. Lo sanno gli operatori che ci lavorano, e si trovano servizi, ore e posti di lavoro e stipendi tagliati, e lo sanno i cittadini che ai servizi si rivolgono, per avere quello stretto necessario per la vita che, si diceva non molto tempo fa, dovesse essere garantito a tutti. I servizi a bassa soglia sono quei servizi che accolgono i bisogni primari di vita delle persone, sono frontiera e immagine della nostra società. Il video è una narrazione individuale e corale insieme, che attraversa la Torino dolente e dignitosa, critica e rabbiosa di chi dalla crisi è minacciato nella sua nuda umanità. Un lavoro condiviso, un’alleanza, una narrazione che è prima di tutto un atto sociale. In allegato un'immagine del film.

Non ci sono più soldi è distribuito da Videocommunity con licenzaCreative Commons: Attribuzione, Non commerciale, Non opere derivate.

indietro

Copyright © 2005 - Associazione Museo Nazionale del Cinema - Credits