Home Storia Notiziario Iniziative Info Link Ingrandisci il testo
Associazione
Museo Nazionale
del Cinema

Amici della Fondazione
Maria Adriana Prolo
Via Montebello 22
10124 Torino
T + 39 011 0765039
M + 39 347 5646645
F + 39 011 4377134
info@amnc.it
www.amnc.it

Progetti on line
Torino Città del Cinema / Enciclopedia del Cinema in Piemonte

News - 07.02.2016 indietro
"San Valentino, per sesso o per amore" Venerdì 12 Febbraio @Cinema Romano di Torino

San Valentino, per sesso o per amore

Al cinema gratis aspettando la festa degli innamorati

Venerdì 12 Febbraio 2016, dalle ore 18,30

Cinema Romano, Sala 3, Galleria Subalpina, Torino

Ingresso libero fino a esaurimento posti

Che sia per sesso o per amore poco importa, San Valentino non sente ragioni. E così una volta l’anno anche i più scettici e misantropi si ritrovano a festeggiare il santo più sensibile ai piaceri terreni, scambiandosi un bacio, promettendosi amore eterno o lasciandosi travolgere dalla passione.

Due giorni prima della ricorrenza, venerdì 12 Febbraio, l’Associazione Museo Nazionale del Cinema e il Cinema Romano propongono una piccola maratona cinefila, a ingresso libero, all’insegna dell’amore presso la sala 3 della Multisala in Galleria Subalpina a Torino. Due film e due incontri che rendono conto della complessità di questo tema, che sul grande schermo come nella letteratura è stato rappresentato in tutte le sue forme.

Il programma inizia alle ore 18,30 con il più classico dei melodrammi italiani, "Carmela" di Flavio Calzavara (1942, 90'), torbida e tormentata storia d’amore che ha come protagonista Doris Duranti, la “peccaminosa” e sensuale diva italiana degli anni '30. Carmela, che si ispira all’omonima novella di Edmondo De Amicis, sollevò numerosi scandali sia durante la lavorazione sia alla sua uscita sul grande schermo. A partire dai temi messi in luce dal film, primo fra tutti quello dell’amour fou, Guido Davico Bonino, critico letterario e teatrale che sul tema dell’amore ha curato numerosi studi e antologie, analizzerà alcune poesie e l’ultima lettera d’amore scritta da Cesare Pavese. Il film sarà introdotto da Caterina Taricano, giornalista e saggista direttrice di «Mondo Niovo 18-24 ft/s», rivista dell’AMNC.

La seconda parte della serata è l’occasione per rendere omaggio a Ettore Scola, il grande regista italiano recentemente scomparso. Alle ore 21,30 sarà proiettato "Dramma della gelosia (tutti i particolari in cronaca)" (1970, 107'), commedia tra le più amate dell’autore interpretata da Marcello Mastroianni, Monica Vitti e Giancarlo Giannini. Proprio l’amore e la gelosia saranno al centro della presentazione del libro di Carlo Rosso, "Ti amo e ti temo. Il paradosso dell'amore al tempo dell'individualismo", pubblicato nel 2015 da Svpress, saggio che attraversa l’arte, la scienza, il mito e la psicanalisi, la teoria e il senso comune alla ricerca della definizione del più grande mistero con cui l’uomo si sia mai confrontato. A dialogare con l’autore il noto giornalista torinese Gabriele Ferraris; il film di Ettore Scola verrà introdotto da Matteo Pollone dell'Università degli Studi di Torino.

Per maggiori informazioni: http://movieontheroad.com/ - info@amnc.it – 347 56 56 645

***

"Carmela" di Flavio Calzavara (1942, 90'), con Doris Duranti, Pal Javor, Aldo Silvani, Egisto Olivieri, Anna Capodaglio, Bella Starace Sainati, Gabor Pogany

Dalla novella omonima di Edmondo De Amicis pubblicata ne "La via militare" (1968). Fuori di testa per l'abbandono dell'ufficiale di cui si era innamorata, Carmela rinsavisce per merito di un altro ufficiale, prima compassionevole, poi amoroso. Melodramma agreste che conta per la Duranti, parsimoniosa nelle parole e ricca negli occhi, e per il bianconero di Gabor Pogany. Ambientato in Sicilia, ma girato a Vernazza, nelle Cinque Terre liguri. Piccolo ruolo (il capitano Ferri) per il regista.

"Dramma della gelosia (tutti i particolari in cronaca)" (1970, 107') di Ettore Scola, con Monica Vitti, Marcello Matroianni, Giancarlo Giannini, Marisa Merlini.

Oreste (Marcello Mastroianni) s’innamora di Adelaide (Monica Vitti), bella fioraia. Tutto fila liscio finché appare sulla scena Nello (Giancarlo Giannini), pizzaiolo toscano che gli ruba il cuore della donna. Costei vorrebbe barcamenarsi tra i due, ma Oreste non approva. Affresco di Scola che, scavando in profondità sotto le manifestazioni della società del benessere, vorrebbe, con una storia popolare, riallacciarsi al neorealismo. Gli sceneggiatori Age & Scarpelli ricorrono agli stereotipi della sottocultura popolare (fotoromanzi, canzonette, ecc.) nei divertentissimi dialoghi del film.

"Ti amo e ti temo. Il paradosso dell’amore al tempo dell’individualismo" di Carlo Rosso, Edizioni Svpress, Torino 2015.

Tutti cercano l’amore, si augurano di trovarlo e temono di perderlo se pensano di averlo tra le mani. Ma che cosa è l’amore? Il mio «ti amo» è uguale al tuo? E che cosa succede quando finisce l’innamoramento? Quando parliamo d’amore siamo costantemente complici di un colossale fraintendimento. Il nuovo saggio di Carlo Rosso attraversa l’arte e la scienza, il mito e la psicanalisi, la teoria e il senso comune alla ricerca della definizione del più grande mistero con cui l’uomo si sia mai confrontato. Tocca a noi decidere se continuare ad amare l’amore o correre il rischio di amare qualcuno. Carlo Rosso

L'autore: Carlo Rosso è un medico specialista in psichiatria, psicoterapeuta e sessuologo. Insegna Psicopatologia sessuale all’Università degli Studi di Torino. Ha pubblicato diversi volumi, tra cui "Perversi e Felici: sesso e trasgressione nella vita delle coppie" (Golem 2013) e "Aggressori Sessuali: la comprensione empirica del comportamento abusante" (Edi/Ermes 2010).

indietro

Copyright © 2005 - Associazione Museo Nazionale del Cinema - Credits